Omnia Bitonto, con l’Afragolese l’ultima curva di una stagione sulle montagne russe (1 giu 2018)

Piero Zotti (38) in azione

Gli ultimi 180 minuti di una stagione sulle montagne russe per l’Omnia Bitonto. Un inizio al rallentatore, il cambio di guida tecnica con mister Benny Costantino, l’allenatore del doppio salto dalla Prima all’Eccellenza, silurato dopo poche giornate. Una squadra, matricola sì, ma costruita per vincere. Fatta di nomi altisonanti e rifatta nel mercato di riparazione, con calciatori di altrettanto richiamo. Magari non a immagine e somiglianza del nuovo tecnico, Pasquale De Candia, ma certamente più vicina alla sua idea di calcio.
Oggi quella squadra è a un passo dal sogno: poco importa se la serie D arriverà attraverso i playoff. Strada impervia e scivolosa, con ostacoli su cui la caduta è sempre dietro l’angolo. Dopo Avetrana e Casarano nei nostri confini e il Lagonegro superato in scioltezza nel primo turno interregionale, l’ultimo scoglio si chiama Vis Afragolese.
I campani, secondi con 67 punti nel girone A campano, hanno nella coppia d’attacco ManzoDel Sorbo (21 gol il primo e 18 il secondo in campionato, entrambi decisivi nella semifinale con il Città Sant’Agata) gli uomini a cui Anaclerio, Montrone e compagni dovranno fare più attenzione. Ma non sono gli unici. Sentite Pierino Zotti, uno che di queste sfide e di campionati vinti se ne intende.  “Hanno un organico di buon livello – le sue parole riportate dalla Gazzetta del Mezzogiorno – un gruppo di giocatori che l’anno scorso nel Portici ha conquistato la D. Ne conosco alcuni per averli affrontati da avversari: Manzo, Del Sorbo, Noviello, Tarascio, Ciano, Vitiello, tutta gente di grande spessore tecnico e di carattere. Ma anche noi abbiamo le qualità e la forza d’animo per puntare al bersaglio grosso. Con il 3-5-2 di mister De Candia ora gioco più esterno ma riesco a inserirmi nel vivo della manovra”.
Domenica la prima sfida al “Moccia” di Afragola, dove gli orange troveranno un ambiente decisamente caldo. “Siamo pronti e concentrati – aggiunge il fantasista di Barivecchia, prossimo ai 38 anni – giocando con personalità e senza troppi calcoli, possiamo dire la nostra. Chi avrà più benzina nelle gambe riuscirà a prevalere nel doppio confronto. Ci teniamo tantissimo a questa serie D, sarebbe un grande regalo per la società fatta di gente perbene e per il presidente Rossiello, persona eccezionale e sempre vicino alla squadra in tutto e per tutto”.
La gara (fischio d’inizio alle 16,30) sarà diretta da Gianluca Delnotaro della sezione di Verbano-Cusio-Ossola, con gli assistenti Antonio Pizzi (Termoli) e Luca Ragone (Ciampino). Domenica 10 giugno il ritorno al “Città degli ulivi” (ore 16,30).