Il Casarano alza al cielo la Coppa Italia a Firenze e centra il triplete. Caldiero ko (2-1)

Capitan Carlo Vicedomini alza la Coppa Italia Dilettanti 2018/19

 

La Coppa Italia è del Casarano che così conclude la stagione con uno straordinario triplete. Dopo aver trionfato nei confini regionali (Coppa e promozione in D con la vittoria dell’Eccellenza) la squadra del tecnico Pasquale De Candia si impone anche a livello nazionale battendo 2-1 il Caldiero Terme nella finale disputatasi oggi pomeriggio al comunale “Gino Bozzi” di Firenze. Entrambe le squadre hanno già acquisito il diritto a partecipare al prossimo campionato di D, ma onorano l’impegno dando vita ad una partita bella e combattuta.

Primo tempo di marca rossazzurra: il Casarano raccoglie i frutti del predominio al 33′ con Palma, lesto a toccare sotto misura un cross basso di Mincica. Lo stesso Palma quasi allo scadere, dopo una buona occasione per il Caldiero (colpo di testa di Guccione di poco a lato), fa partire un sinistro che sfiora l’incrocio. La ripresa inizia con la squadra veneta a caccia del pari, vicina alla rete tre volte: prima con un’incornata di Zerbato deviata sul palo da Grasso (sostituto di Iuliano, non al meglio e in panchina). Al 34′ è ancora il giovane portiere di Manfredonia a sventare un pericolo con una bella parata su tiro ravvicinato di Guccione e poco dopo è D’Aiello a salvare sulla linea di porta, ancora su Guccione. Nel frattempo si contano diversi ammoniti e l’espulsione di mister De Candia. Finita la fase di sofferenza, il Casarano torna a pungere in contropiede con il neo entrato Agodirin che al 42′ dalla sinistra imbecca Mincica: il trequartista siciliano con un diagonale al volo firma il raddoppio. Ma il Caldiero non molla e nel secondo dei 4′ di recupero dimezza lo svantaggio con Peotta, di testa.

Finisce 2-1, con i quasi 300 tifosi giunti da Casarano a festeggiare con la squadra, gli applausi dei sostenitori veneti al Caldiero e con capitan Vicedomini che alza al cielo il trofeo ricevuto dalle mani del presidente della LND, Cosimo Sibilia. Si chiude così la memorabile stagione dei rossazzurri, che per la seconda volta (la prima fu dieci anni fa e anche in quell’annata fu tripletta) si aggiudicano la Coppa Italia Dilettanti.

COMMENTI  “È il coronamento di una stagione dopo una partita tirata contro una grande squadra – il commento a caldo di mister De Candia – loro erano più in palla di noi avendo finito il campionato da poco, a differenza nostra che non giocavamo una partita da un mese. Questo é un passaggio fondamentale per la società del Casarano che ha una mentalità professionistica”.

“Una gioia immensa – afferma il presidente del Casarano, Giampiero Maci – è il quarto titolo stagionale, considerando anche quello vinto pochi giorni fa dalla Juniores. Sono infinitamente grato ai ragazzi, al mister, al direttore e a tutti coloro che hanno fatto sì che questa stagione sia diventata importantissima per Casarano. Ora ci godiamo questi momenti, il grande entusiasmo con questo gruppo magistralmente diretto da mister De Candia che ha trovato l’armonia di una grande famiglia in cui tutti lavorano per i compagni. Questo, credo, sia stato il segreto dei nostri successi”.

“Un’esperienza incredibile, siamo contenti di aver regalato quest’altra grande soddisfazione ai nostri tifosi, alla società e al nostro sponsor – dice il ds Marcello Pitinola Coppa era uno degli obiettivi e lo abbiamo raggiunto, con determinazione e merito. Il mio futuro? Sarei onorato di continuare, ma non ne ho ancora parlato con la società. C’è tempo per farlo, adesso godiamoci questo grandissimo risultato”.

“Una bella partita, giocata a viso aperto da entrambe le formazioni – le parole di Sibilia che ha assistito alla finale con il responsabile del Dipartimento Interregionale, l’avvocato martinese Luigi Barbiero e il presidente della LND Puglia, Vito TisciCasarano e Caldiero hanno reso onore al movimento del calcio dilettantistico italiano, confermandone la vitalità e la qualità dei suoi club. Complimenti alle due squadre per aver offerto una bella giornata di sport, e congratulazioni al Casarano per la conquista del trofeo”.

“Questa squadra ha fatto qualcosa di eccezionale – aggiunge Tisciarricchendo una stagione entusiasmante con un trofeo così prestigioso. Il successo del club salentino dimostra che il calcio dilettantistico pugliese è in salute, arrivando ogni anno sempre in fondo a questa competizione nazionale. L’anno scorso è andata male al Trani, sconfitto in finale. Oggi invece la Puglia può tornare a sorridere, per questo voglio complimentarmi con il presidente Maci e tutto il suo staff, che l’anno prossimo disputeranno il campionato di serie D portando sempre più in alto il nome della nostra regione”.