Coppa, il sogno della Vigor Trani continua: la spunta ai rigori a Pomezia e vola in finale (18 apr 2018)

Il sogno continua. Undici metri di pathos per la Vigor Trani che conquista la finale della Coppa Italia di Eccellenza, eliminando ai rigori l’UniPomezia. In terra laziale nessun gol, come all’andata, la qualificazione si decide dal dischetto. Si erge a protagonista (come lo è stato molte volte in questa stagione) il portiere tranese Sansonna che para uno dei quattro rigori dei padroni di casa, dopo che la lotteria non era iniziata nel migliore dei modi per l’errore di Infimo. Dopo i primi sei rigori si arriva sul 3-2 per i laziali, infallibili. Ma qui la svolta: Faccini segna il quarto, si va sul 3-3, Sansonna para quello di Valle, Bruno segna e porta sul 4-3 la Vigor, Delgado potrebbe pareggiare e mandare la contesa ad oltranza, ma spara alto. Finisce nel tripudio dei giocatori in campo e dei circa 400 tifosi (con il sindaco Bottaro in testa) arrivati da Trani. E’ un Trani più forte di tutto, anche dei problemi societari e dei rimborsi non pagati.

L’undici di Pizzulli affronterà in finale (la prima in questa competizione nella storia del calcio tranese) gli altoatesini del St. Georgen che hanno superato 3-1 gli umbri del Massa Martana, capovolgendo l’1-0 di sette giorni fa. “Chiudete le valige, amici. Andiamoci a prendere la Coppa“, scrive sul suo profilo Fb il capitano della Vigor, Cantatore. Si giocherà al “Bozzi” di Firenze, sede del Centro tecnico federale della Lega nazionale Dilettanti. Nelle prossime ore la LND stabilirà data e orario.

LE FOTO DI UNIPOMEZIA-VIGOR TRANI